Comunicazioni
100 ANNI DALLA STRAGE DI TORINO


Il 18 dicembre del 1922, meno di due mesi dalla marcia su Roma, uno dei luoghi simbolici per la storia politica torinese, la Camera del lavoro, venne data alle fiamme insieme al circolo anarchico dei ferrovieri, il Circolo Carlo Marx e la sede de L'Ordine Nuovo. Migliaia di squadristi dilagarono per la città e uccisero 14 persone; operai, sindacalisti e militanti comunisti. Un attentato terroristico fatto nel cuore di una città reduce dalla guerra, dalla fame e dalla militarizzazione della vita quotidiana. Torino, contemporaneamente, era anche una città operaia che lasciava alle spalle il biennio rosso, le occupazioni delle fabbriche e la nascita e crescita di un grande movimento sindacalista. 

Quel giorno fu l’inizio di un nuovo percorso verso la presenza quotidiana e massiccia della dittatura e della violenza fascista. Una nuova epoca di censura, divieti, sfruttamento, repressione e uccisioni.  

Il Museo Diffuso della Resistenza di Torino, il 18 dicembre del 2022, sarà in piazza XVIII dicembre, per partecipare alla cerimonia di commemorazione delle persone assassinate in questa strage fascista.